Archivi tag: ceramica

Alla finestra

A volte mi capita di entrare in certi luoghi sospesi nel tempo, lasciati li immobili nella loro fragilità,  come queste bottiglie alla finestra. sembrano essere li da poco tempo invece sono li da chissà quanto tempo, lasciate li come osservatori di quello che succede al di la del vetro della finestra, è incredibile come a volte entrando in questi luoghi ci si senta trasportati in un altro tempo. Questa fotografia l’ho scattata all’ interno della ex ceramica Vaccari a Santo Stefano di Magra. Qui si producevano mattonelle, vi allego di seguito qualche breve cenno storico.

La Vaccari

Veduta degli impianti della Ceramica Vaccari in una foto d’epoca

La frazione di Ponzano Belaso, comunemente chiamata “Ceramica”, è sostanzialmente legata – a partire dal nome – all’insediamento, avvenuto sul finire del XIX secolo, dello stabilimento per la lavorazione dei laterizi, prima denominato Ceramica Ellena e successivamente Ceramica Vaccari, dal nome della famiglia genovese che rilevò l’attività.

Lo stabilimento, che al suo interno conserva capannoni di inizio Novecento di oggettivo pregio, ebbe nel periodo post-bellico uno sviluppo particolarmente intenso, tanto da rendere necessaria la realizzazione di interi quartieri e strutture funzionali a dare risposte alle esigenze derivate dal potente fenomeno immigratorio che lo sviluppo della Fornace aveva determinato.

Di quell’edilizia si mantiene chiara memoria, potendo ancora oggi osservare le case degli operai in località “Corea”, le case degli impiegati, quelle dei dirigenti, la chiesa, l’edificio della mensa aziendale, la sede delle poste, le stesse strutture realizzate presso la stazione ferroviaria. Oggi quell’edilizia, di eccellente qualità, si è in grande misura mantenuta, pur inserita in un tessuto residenziale che nei decenni successivi è sensibilmente cresciuto.

Oggi purtroppo versa nel quasi totale abbandono solo il Comune ha recuperato degli spazi che sono stati dati in concssione a laaboratori artistici, e sportivi.

Vi allego il link di un ottimo strumento creativo per andare alla scoperta di questi luoghi, potete comprarlo direttamente da questo link.

Sedie e abbandoni

sedie e abbandoni: Ho visitato e fotografato nel corso degli anni molti luoghi abbandonati, vuoti e desolati nel loro silenzio ma pieni del loro fascino e dei piccoli particolari che un occhio attento può cogliere. Ebbene una volta a casa riguardando le fotografie fatte di questi luoghi c’è sempre un oggetto che è li immobile nel suo silenzio, una sedia, è strano che una sedia sia sempre presente almeno per me poi magari mi do una spiegazione, perchè la sedia porta a sedersi a guardare con attenzione a pensare a quel luogo a quando era attivo o abitato, quindi la sedia è davvero l’unico oggetto che sta li a attendere l’ospite non invadente che si avvicina a questi luoghi con  silenzio e rispetto.

Vi allego qualche scatto di sedie fotografate in questi luoghi

Vi allego il link di amazon di un interessante libro fotografico di Sara Munari potete acquistarlo direttamente da questo link

 

Luce

In fotografia la luce è l’elemento principale, quello che puo far diventare una banale fotografia in una bella fotografia. sta al fotografo saperla leggere e interpretare.

La macchina fotografica mostra non dimostra quello che vuole il fotografo, conoscere la luce è la cosa più difficile e lunga da imparare o forse non la si impara mai perche ogni volta che mettiamo l’occhio nel mirino la scena che vediamo è sempre diversa, una piccola porzione del vero da fermare in quel preciso istante.

La tecnologia ci aiuta con le fotocamere digitali ma al fotografo spetta sempre il momento piu importante quello dello scatto, in quel attimo tutto deve essere controllato e perfetto altrimenti tutto diventa banale.

Ci sono alcuni concetti base sulla luce che bisogna conoscere per poterli avere come amici

LA QUALITA’ DELLA LUCE

La prima cosa che bisogna fare quanto siamo nel luogo che dobbiamo  fotografare, è quella di valutare l’intensità della luce.

L’intensità di luce può essere anche individuata come quantità, alla fine si tratta solo di capire quanto è presente.

Lascia da parte la fotocamera per un attimo ed immagina come reagiscono i tuoi occhi ai cambi di luminosità:

  • se passi da una stanza chiara ad una scura per un po’ non vedrai nulla. In questo caso ti trovi in una situazione di “sottoesposizione”.
  • se passi da una stanza scura ad una chiara per un po’ sarai abbagliato. Fino a quando gli occhi non si abituano ti trovi in una situazione di “sovraesposizione”.

Con la fotocamera dovrai comportarti allo stesso modo: se la scena presenta una quantità enorme di luce dovrai impostare una combinazione di ISO – TEMPO  e DIAFRAMMA adeguato.

Se scatti in Priorità Diaframma;  devi stare attento a non usare un diaframma eccessivamente aperto che metterebbe in difficoltà la fotocamera che magari non è in grado di usare un tempo di scatto sufficientemente veloce.

Lo stesso principio vale per la situazione opposta: con una quantità di luce scarsa. Dovrai star attento alle regolazioni più idonee, ma col vantaggio di poter eventualmente aumentare la sensibilità ISO in modo da rendere la fotocamera più sensibile alla luce.

LA TEMPERATURA DELLA LUCE

la luce non ha sempre lo stesso colore e l’esempio più forte è il colore rosso fuoco che prende durante i tramonti estivi o al sorgere del sole. In realtà però la luce varia continuamente durante il giorno con le varianti date dalla presenza di cielo nuvoloso, nebbia o altre condizioni atmosferiche particolari.

La temperatura (o colore) della luce ha un impatto profondo sulla fotografia digitale, per questo motivo dovrai ricordarti di regolare nel modo appropriato il bilanciamento del bianco sulla tua fotocamera.

Con lo stesso strumento di regolazione bilanciamento del bianco puoi anche intervenire per modificare l’aspetto visivo dell’immagine che stai fotografando: se per esempio durante una scena illuminata dal sole imposti come bilanciamento del bianco il parametro ombra oppure nuvoloso, la tua immagine prenderà subito una colorazione e dominante calda.

LA DIREZIONE DELLA LUCE

Un altro elemento che devi considerare, è la direzione della luce, ovvero da che angolazione illumina la scena.

Anche in questo caso prendo come spunto il sole e come si comporta durante il giorno: a mezzogiorno di una bella estate illumina dall’alto verso il basso, creando delle ombre che sono quasi perpendicolari agli oggetti, mentre al tramonto le ombre sono molto più diagonali e lunghe in quanto il sole illumina la scena da un’angolo più basso, a ridosso dell’orizzonte.

Se ti piace fotografare ambienti naturali, sfruttando la luce del sole, sei costretto ad attendere la natura ed il suo corso per trovare la situazione migliore per fotografare ad esempio un paesaggio.

Vi allego un mio scatto dove la luce fa la fotografia

luce-2